COPPOLA GIANFRANCO SERRAMENTI

Vetrate artistiche

 

INTRODUZIONE

Tutti conosciamo il valore della luce, essenza intrinseca e sostanziale del mondo visibile, quindi del colore, della forma, dei riflessi, delle sfumature e dei passaggi dal chiaro allo scuro.

La luce è vita e funzione dei nostri occhi ed espressione estetica ed emotiva della cultura umana.

A causa della luce una distesa di prati in primavera ci appare rivestita di toni verdi tanto brillanti e il mare al tramonto riflette i raggi dorati e infiammati del sole da sembrare incandescente.

È la forza della luce ad abbagliare i nostri occhi in un mezzogiorno estivo ed è la luce a proiettare gli splendidi colori delle magiche vetrate gotiche negli oscuri antri delle solenni navate delle cattedrali, illuminandoli di vividi bagliori.

Di vetro noi vogliamo parlare, di questo materiale duro e fragile, veicolo prediletto della luce, tagliente e difficile da tagliare, ma malleabile alle alte temperature tanto da poter essere plasmato illimitatamente.

Il vetro è per definizione una materia solida, amorfa, trasparente e, per sua natura, delicata. Si ottiene fondendo sabbia silicea con soda o potassa. Anticamente era ricercato e molto costoso, oggi ne esistono svariate qualità adatte a diversissimi scopi e le attrezzature atte alla sua lavorazione sono facili da usare ed economiche.

 

OGGETTISTICA

 

 

QUADRI CONNUBIO